L'Arbitro L'Arbitro

L’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF), istituito dalla Consob con la delibera n. 19602 del 4 maggio 2016, è uno strumento di risoluzione delle controversie tra investitori "retail" e intermediari per la violazione degli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza che gli intermediari devono rispettare quando prestano servizi di investimento o il servizio di gestione collettiva del risparmio.

Solo i risparmiatori possono fare ricorso all'ACF, per richieste di risarcimento danni non superiori a 500.000 euro.

Gli intermediari sono obbligati ad aderire all’ACF.

E’ uno strumento che consente all’investitore di ottenere una decisione sulla controversia in tempi rapidi, senza costi e senza obbligo di assistenza legale. 

L’ACF assicura imparzialità e indipendenza di giudizio. Qualora l’investitore non sia soddisfatto della decisione, può comunque rivolgersi all’Autorità giudiziaria. Presentare ricorso all'ACF o ad altro sistema alternativo di risoluzione delle controversie è condizione di procedibilità per avviare un procedimento giudiziario.

L’ACF è composto dal Collegio e dalla Segreteria tecnica.

 

 

NOVITÀ

09/01/2017

Dal 9 gennaio 2017 è attivo l’ACF

Dal 9 gennaio 2017 è operativo l'Arbitro per le controversie finanziarie (ACF) previsto dal ...

19/12/2016

Insediati i componenti dell’ACF

I componenti dell'Arbitro per le controversie finanziarie (ACF) hanno tenuto la riunione di insed ...

19/12/2016

Diffusa la brochure illustrativa sull'ACF

Il 19 dicembre 2016 si è svolta presso la sede della Consob di Roma la riunione di insediamento d ...